Presentazione

Questa guida contiene dieci semplici lezioni di “coding”, dieci schemi di incontro con un gruppo di bambini delle scuola primaria o delle prime classi della secondaria inferiore.
Le dieci lezioni sono costruite intorno ad un tema semplice, concreto, che permette ai bambini di capire meglio alcuni aspetti della geometria piana attraverso la costruzione di poligoni e altre figure con il coding.
Vengono proposte dieci maniere diverse di far disegnare un quadrato da un automa, su uno schermo o su un pavimento; così facendo si toccano i concetti di figure chiuse, di poligoni regolari, angoli interni ed esterni, di perimetro, di area. Contemporaneamente, ad ogni lezione si introducono concetti e tecniche base del coding, cioè della programmazione dei computer. Geometria, quindi, ma anche coding e pensiero computazionale, in parallelo.
Questo doppio obbiettivo oggi è ancora necessario, perché non si può dare per scontato che i bambini di terza sappiano costruire un poligono usando i blocchetti di Scratch, o qualche altro linguaggio educativo.

Si tratta di una guida, cioè di un testo è dedicato agli insegnanti che vogliano fare coding nella loro classe, anche a quelli che non hanno nessuna esperienza, per fornire loro un aiuto concreto insieme ad un quadro pedagogico robusto.
Ma è anche pensato come testo di studio per futuri docenti di coding, provenienti da un background informatico ma con poca pratica di pedagogia, per mostrare loro in che modo le attività di coding vadano calate nel contesto didattico di una classe.
Tutte e due queste categorie, a nostro avviso, hanno bisogno di stimoli che vadano al di là dei percorsi rigidi che si possono trovare sul web, degli infiniti tutorial che si limitano a replicare a loro volta altri esempi.
Hanno bisogno di esempi concreti di come si possa fare coding – se si sceglie di farlo – in maniera significativa, consapevole degli obiettivi e dei limiti che necessariamente ci sono, adeguata al contesto particolare e unico che è una classe di bambini.